Siamo in piena crisi, altro che 'svolta buona'!

I numeri dicono che siamo fuori dalla crisi, i fatti l’esatto contrario. E i fatti sono: disoccupazione e debito pubblico record, emergenza casa e immigrazione, stipendi e pensioni da fame mai adeguati al caro vita, dissesto idrogeologico e incuria del patrimonio artistico e naturale dalle Alpi a Lampedusa, corruzione, evasine e pressione fiscale ai massimi storici. Eppure con il prezzo del petrolio e del mattone in caduta libera, con il Quantitative easing di Mario Draghi, con la svalutazione dell’euro rispetto al dollaro, con i tassi di prestiti e mutui mai così vantaggiosi come oggi, con Expo2015 e pure col Giubileo di Papa Francesco alle porte, che tanto turismo e tanto denaro fresco porta e porterà, l’Italia non decolla. La zavorra di questa classe dirigente incapace e inetta, quando va bene, o peggio ancora corrotta e mafiosa, non permettono alle energie sane del Paese e alla favorevole congiuntura economica del momento di farci spiccare il volo: restiamo puntualmente impantanati nelle paludi della crisi più nera e purulenta della storia Repubblicana, altro che “svolta buona”!!!
P.S.: Ci si rivede il 15 luglio. freeskipper spicca il volo e va in ferie... lontano dalle paludi!

Si allarga la forbice tra “soliti fessi” e “soliti noti”.

Come racconta balle Renzi non c'è nessun altro al mondo, e non v’è dubbio che sul palcoscenico mediatico è lui il migliore in assoluto. Il 'capo scout' annuncia e le 'giovani marmotte', disseminate come la gramigna nei vari salotti televisivi, arrancano sugli specchi per diffondere “il verbo”. Però quando agli annunci non seguano mai fatti concreti, allora capita di prendere qualche voto in meno! Nel paradosso dell’Italia repubblicana, libera, democratica e renziana, non è cambiato proprio un bel niente rispetto a quella di andreottiana e berlusconiana memoria: debito pubblico, tasse, corruzione, evasione e disoccupazione, stanno sempre lì, anzi con qualche punto percentuale in più. In Italia sono soltanto questi i parametri che continuano rovinosamente a crescere e il Paese non ce la fa proprio più a sostenere un regime che non è più nè politico, nè tantomeno libero e democratico, ma soprattutto “fiscale”! Renzi non è un premier liberamente eletto dal suo popolo. Renzi è una tassa! Gioca con l'aumento delle tasse a carico dei “soliti fessi” come si fa col gioco delle tre carte dove a vincere è sempre e solo chi comanda il gioco e il suo "compare"! Cosa ha fatto finora Matteo Renzi per quanto riguarda la spesa pubblica, gli sprechi, l’evasione fiscale, la corruzione, le ruberie e i privilegi della casta che continua a godere di stipendi e pensioni da nababbo? Solo chiacchiere e tanto fumo. Quel poco d'arrosto che c'è ancora rimasto finisce sempre sulla tavola dei “soliti noti” e il “fumo”, che non è neppure di quelli… buoni, negli occhi dei “soliti fessi”!

L'Italia a due velocità rischia il collasso!

In Italia chi è a busta paga soffre per mettere insieme il pranzo con la cena, chi invece lavora in proprio fa lui il prezzo e campa bene comunque. Questa è l'Italia a due velocità. Questo, almeno, lo era fino a ieri. Oggi però che le "buste paga", massacrate dal fisco e dall’euro che ne ha dimezzato il potere d’acquisto, stanno dando fondo agli ultimi spiccioli messi da parte, fanno molta più attenzione a quanto spendono e stanno stringendo i cordoni della borsa. Il risultato è che i consumi si contraggono e coloro che fino ad oggi hanno fatto il prezzo, non incassano più come prima, pertanto non gli resta che giocare al ribasso: calare i prezzi, oppure chiudere bottega! L’Italia a due velocità rischia il collasso! Due sono le vie di fuga: o si esce dall’euro e si rivedono salari, pensioni e prezzi al consumo, oppure bisogna rimettere benzina nel motore di lavoratori dipendenti e pensionati prima che la macchina Italia collassi definitivamente!

La tassa occulta sul 730 precompilato.

Avete provato a compilare on line il modello 730? Bè, anche se hai 30 anni e mastichi qualcosa di computer non è che sia proprio una passeggiata di salute. Figuriamoci, poi, per una persona anziana!? Mission impossible!!! E allora non resta che rivolgersi ad un centro di assistenza fiscale dove però, come ci racconta Gian Franco, c’è una bella sorpresa ad attendere l’ignaro contribuente già salassato da un groviglio di imposte e balzelli: “Sono andato al Caf per consegnare il 730 precompilato e ho dovuto pagare 'il servizio' 50 euro! Una bella somma, tenendo presente che fino allo scorso anno consegnavo il 730 precompilato alla stessa maniera e che poi veniva elaborato

Le tasse sulle case che non danno reddito vanno abolite!

Il mattone non è più un bene rifugio, ma un male dal quale tenersi alla larga. La casa degli italiani non è tassata, ma tartassata da una valanga di imposte e balzelli. A parte Imu, Tares, Tari, Tasi, Irpef, che sono imposte dirette, ci sono poi quelle indirette su spazzatura, luce, gas, acqua, telefono, internet, canone Rai, compravendita, Iva sui lavori di manutenzione. Un salasso senza fine!

Meglio un giorno da combattente curdo o una vita da profugo?

I curdi siriani, un popolo meraviglioso che non fugge dalla guerra ma l'affronta a viso aperto. Uomini e donne che combattono valorosamente contro un nemico crudele, potente, assatanato di sangue. Se quelli che fuggono sui barconi si fermassero a "dare una mano" a tutti coloro che "restano" a difendere la terra dove sono nati, la resistenza si rafforzerebbe. Non sarebbe meglio morire combattendo, piuttosto che morire annegati?

Statali e pensionati, due pesi e due misure: per la Consulta il blocco di stipendi e pensioni è diversamente illegittimo!

Illegittimo secondo la Corte Costituzionale bloccare la perequazione delle pensioni al costo della vita e altrettanto illegittimo bloccare il rinnovo dei contratti e gli stipendi degli Statali. Ma mentre per i pensionati la Consulta ha previsto gli arretrati, per gli statali no! In definitiva Statali e pensionati a dire dei giudici sarebbero diversamente illegittimi per quanto concerne l'adeguamento di salari e pensioni al costo della vita!!! Lo ha deciso ieri la Corte Costituzionale, che ha anche stabilito che la pronuncia non ha effetto retroattivo. Dunque, non vale per il passato, ma solo dalla pubblicazione della sentenza. Una sentenza che rappresenta un vero e proprio "Salva-Renzi", una sentenza "politica".

Da dove ripartire?

di Gerardo Lisco. Se non fosse ancora chiaro, con la fiducia sul D.d.l. la “pessima scuola” il Governo Renzi ha rinunciato a dialogare con il Paese. Questo provvedimento fa il paio, sul piano politico, con il diverso metro adottato per il Sottosegretario Castiglione del Ncd rispetto al comportamento che Renzi tiene verso il Sindaco di Roma Marino. Renzi è ostaggio dei gruppi di pressione che fanno capo al Ncd e a Scelta Civica. La Ministra Giannini, “transumando” da Scelta Civica al Pd, ha voluto ufficializzare la sua posizione di rappresentante di una lobby all’interno del Pd che ne condiziona le politiche.

Il Paese delle mer(d)aviglie.

Una pensione sociale minima di mille euro al mese anche a coloro che non hanno mai versato un centesimo di contributi previdenziali e che magari hanno una dozzina di appartamenti affittati in nero, ma che per lo Stato italiano risultano nullatenenti e per il fisco sono dei fantasmi. Un reddito di cittadinanza di mille euro al mese ai disoccupati e senza che lo Stato gli chieda alcuna prestazione in cambio, che sò io… manutenzione di strade e verde pubblico, assistenza agli anziani e ai malati, custodia di musei e monumenti.

Aspettando il reddito di cittadinanza... me faccio du pizze e 'na biretta!

Ma cos'è questa crisi!? Tutti si lamentano, ma nessuno reagisce. Se fosse vera emergenza le piazze sarebbero piene di gente con i forconi! Invece niente. Tutto tace! Per contro, alberghi e vacanze estive sono prenotati da quest'inverno all'insegna del 'tutto esaurito', e fuori da ristoranti e pizzerie c’è sempre la fila che aspetta che si liberi un tavolo. Però, come lamenta Roberto Peruch

L’unione fa la forza? Un detto che non ci appartiene!

di Grazia Nonis. Se l’Italia fosse una persona in carne ed ossa, sarebbe già in cura da uno psichiatra. Di quelli bravi, il migliore nel suo campo. Ma forse impazzirebbe anche lui. Accendere la televisione e leggere i giornali aumenta una depressione già in atto, infiamma la gastrite e fa sanguinare l’ulcera. Voglia di scappare, fuggire da questo paese folle, pieno di contraddizioni ed ingiustizie e che da troppo tempo non sentiamo più nostro: pericoloso, sporco, povero, psicopatico. Impotenti davanti a machete, roncole e sciabole che ci minacciano ovunque: sui treni, per strada, in casa nostra.

La Chiesa apre a divorziati e famiglie gay.

Dopo l'invito ad aprire le porte di casa nostra agli immigrati pretendendo le scuse da chi vorrebbe respingerli, la Chiesa - in debito di fedeli - spalanca basiliche e parrocchie alle nuove realtà familiari: coppie divorziate e risposate, figli delle coppie omosessuali e gay!

L’Italia è una Repubblica democratica senza popolo.

All’epoca del governo Monti, reo di tanti disastri uno su tutti la riforma Fornero, si diceva e si è poi detto con i governi Letta prima e Renzi oggi, che l'esecutivo nominato senza prima passare per il consenso degli elettori non piace agli italiani che invece vorrebbero poterlo votare nell’esercizio della propria sovranità popolare. Ma poi quando alle ultime elezioni amministrative la metà degli aventi diritto al voto ha preferito la cabina al mare a quella elettorale, bè allora è evidente che c’è qualcosa che non va: l’Italia è una Repubblica democratica senza popolo!

Fermiamoli!

di Maria Pia Caporuscio. I politici si sono trasformati da “rappresentanti” dei cittadini in lapidatori e le loro scellerate politiche non vanno a favore ma contro i cittadini, contro natura, contro la giustizia, contro la morale, contro il progresso (contrariamente a quanto affermano) e contro la cultura e l’intelligenza. La politica doveva servire a migliorare la qualità di vita dei cittadini, ma attualmente si fa politica per arricchire il proprio io e i mercati contro gli interessi non solo dei cittadini, ma della stessa nazione.

Cerca nel blog

Caricamento in corso...