7 marzo 2019

Legittima difesa, ok della Camera.

di Redazione.
La sicurezza - così come la salute, l'ambiente, l'istruzione, la giustizia - non dovrebbe essere né di destra, né di sinistra, ma di tutti, alla stessa stregua delle bellezze naturali e del patrimonio artistico del nostro paese.
Comunque, la destra si appunta sul petto la 'medaglia della legittima difesa'. Il disegno di legge, appena approvato dalla Camera, consente un margine più ampio nell'uso delle armi per tutelare la propria incolumità e quella altrui.
Tra le novità del ddl, che adesso dovrà superare l'esame del Senato, quella sulla proporzionalità tra difesa e offesa: di fronte all'intrusione in casa di un presunto aggressore, la vittima è "sempre" legittimata a difendersi usando armi o "altri mezzi di coazione fisica".
Riguardo all'eccesso colposo di legittima difesa, il ddl prevede che non è punibile chi ha agito per tutelare l'incolumità propria o altrui se era "in condizioni di grave turbamento" provocato dal pericolo in atto.
Inoltre, in base al disegno di legge, chi è stato assolto dal reato di legittima difesa non avrebbe più l'obbligo di rimborsare i danni subiti dall'aggressore.
Sia ben inteso che questa legge non contiene una sola parola che legittimi la violenza, che spinga ad acquistare pistole e fucili. L'Italia non diventerà il Far west. Ci sarà sempre un'indagine e spetterà sempre al giudice valutare la legittimità della difesa.
La sola speranza è che i processi siano più veloci e che vengano sempre tutelati i diritti di tutti e garantita la certezza della pena.

1 commento:

  1. La foto che accompagna il post è l'emblema della notizia. A voi non viene nessun dubbio?
    un saluto, roberto b

    RispondiElimina

Freeskipeer è uno spazio libero. L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non permette filtri preventivi. Per questa ragione chi commenta è il solo responsabile del contenuto delle proprie affermazioni. freeskipeer si dissocia da eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Freeskipeer Italia si dissocia categoricamente da:
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)